Disturbo da deficit di attenzione nei bambini

Disturbo da deficit di attenzione nei bambini

Sindrome ADHD


ADHD: Il disturbo da deficit di attenzione

Che cos’è l’ADHD?

Il Dirturbo da Deficit di Attenzione Iperattività o ADHD (attention deficit hyperactivity disorder) in inglese oppure DDAI in italiano, è un disturbo del neurosviluppo ed ha come caratteristica la disattenzione, la confusione, l’iperattività.

E’ uno dei disturbi neuro comportamentali tra i più diffusi, si stima ne siano coinvolti circa il 5% dei bambini e circa il 2% degli adulti.

Il DDAI si manifesta nella prima infanzia, dalla nascita ai 2 anni, e si presenta con comportamenti di iperattività.

Spesso i problemi legati al disturbo da deficit di attenzione si protraggono anche da adolescenti ed infatti si stima che tra i 6 ed i 18 anni l’1% degli studenti ne sia colpito.
l’ADHD ad un certo punto può essere considerato un disturbo cronico.

ADHD: Il disturbo da deficit di attenzione:


ADHD sintomi bambini

Come detto, i sintomi del Disturbo da Deficit di Attenzione Iperattività sono appunto l’iperattività, la disattenzione e disorganizzazione ed i comportamenti impulsivi.

Per capire se un bimbo soffre di ADHD o DDAI si possono cercare i seguenti segnali:

  • Iperattività: il bambino non sta mai fermo, si muove senza dare un senso a quello che fa.
  • Disattenzione: il bambino fa fatica a stare attento, non si concentra mai su un gioco/attività se non per pochissimo tempo senza portarlo a termine, si distrae facilmente,
  • Impulsività: si manifesta con azioni frettolose, istantanee, invadenti, interrompono di continuo e non riflettono sulle conseguenze delle loro azioni.


Sindrome ADHD, le cause

Nel corso degli utlimi anni questo tipo di disturbo è stato largamente studiato e dibattuto nel mondo della scienza, e tra le cause dell ADHD sembra ci siano delle alterazioni nella zona del cervello che regola l’attenzione. Tra queste vi è la corteccia pre-frontale desta, che regola la facoltà di non distrarsi.

Tra i fattori biologici legati all’ADHD troviamo:

Infatti alcune di questi eventi possono implicare danni cerebrali che sono cause del Dirturbo da Deficit di Attenzione Iperattività.


ADHD trattamento

Il disturbo detto ADHD non prevede una singola cura, ma un mix di psicoterapia coadiuvato da un trattamento farmacologico, con l’uso ad esempio di psicostimolanti.
Questi farmaci innalzano il livello di attenzione tenendo a bada l’iperattività.

Per quel che concerne la psicoterapia si ricorre alla terapia cognitiva comportamentale, per arrivare a gestire il problema agendo per gradi. In questo tipo di terapia vengono coinvolti non solo il bambino con i genitori ma anche, quando si può, la sfera scolastica.

Per quel che concerne il bambino si cerca, con la terapia cognitiva, di insegnarli a capire il proprio comportamento per arrivare ad autoregolarsi, diminuendo così le azioni impulsive e disordinate.
In tal modo si arriva al rispetto delle regole e al miglioramento delle relazioni sociali.


Parent training ADHD

Questi programmi per i genitori servono per renderli consapevoli del reale problema ed imparare a gestirlo, per acquisire la capacità di capire il comportamento del bambino ed attuare un tipo di educazione adatto a supporto del bambino stesso.

Tra le caratteristiche del programma vi è quella di tentare di migliorare il clima che si respira in famiglia per trasmettere maggior serenità al bimbo.
Spesso infatti l’adhd è anche sintomo di disagio familiare.


Scuola, bambini iperattivi come comportarsi

In questo caso invece del programma Parent training adhd, interviene l’ADHD Teacher Training, cioè il programma dedicato agli insegnati per far capire loro come affrontare il problema.
Capire che un bambino è affetto da tale disturbo è il primo fondamentale passo per un suo percorso scolastico sereno e fruttuoso.

Agli insegnanti quindi vengono spiegate le strategie da adottare sia per instaurare la giusta relazione con i bambini affetti da DDAI che per correggere i loro comportamenti.

Alla prossima,
Lo Psicologo veneto.

Psicologo veneto

I commenti sono chiusi