Curare la depressione con le erbe

Curare la depressione con le erbe

Curare la depressione con le erbe

Last Updated on

Antidepressivi naturali, come curare la depressione con fitoterapia, fiori di Bach e Curcuma.

Erbe contro la depressione:
Fin dai tempi più antichi le erbe medicinali venivano usate per gli scopi più vari, dalla cura per il mal di stomaco fino al rimarginare ferite e tagli.

Nell’antica Grecia Ippocrate formulò la “teoria dei quattro umori“, affermando che nel corpo umano coesistono appunto quattro umori:

  • Sangue
  • Flemma
  • Bile gialla
  • Bile nera

Questi quattro umori erano a sua volta responsabili di caldo, freddo secco e umido, e avevano bisogno di essere riequilibrati con l’uso di erbe medicinali.

Questa ed altre teorie si sono propagate nei secoli fino ad arrivare ai giorni nostri, e ora anche malattie come la depressione si possono curare o almeno in parte contrastare con l’uso di alcune erbe officinali.

Sappiamo infatti che tra le cause della depressione vi sono anche problemi come ad esempio l’insonnia e i disturbi alimentari, che con l’uso appropriato di alcune erbe officinali si possono contrastare.
Alcune piante officinali si possono quindi usare come antidepressivi naturali.

Ecco gli argomenti trattati in questo articolo:


Vediamo quindi nei prossimi paragrafi alcuni metodi naturali per curare la depressione senza ricorrere all’uso di farmaci ma come possibili coadiuvanti della psicoterapia.


Curare la depressione con le erbe

Facciamo una breve panoramica delle tre piante officinali più usate per curare la depressione con le erbe:

  • Griffonia
  • Rhodiola rosea
  • Iperico


Griffonia

La Griffonia è una delle principali piante usate per contrastare la depressione, è una pianta tropicale/africana e le sue proprietà benefiche stanno nei semi che contengono la sostanza 5-THP.

Cos’è il 5-THP?

Partiamo dalla Serotonina, il cosi detto “ormone della felicità“:
Sappiamo che la serotonina è associata ad alcune forme depressive quando si riscontra un suo livello troppo basso, e la Serotonina deriva dalla trasformazione da parte di un enzima del 5-idrossi-triptofano, cioè il 5-THP.

Assumere questa sostanza ricavata dalla Griffonia può quindi aiutare a contrastare alcune forme depressive agendo appunto sul livello di serotonina.


Rhodiola rosea

La Rhodiola rosea, chiamata così perché richiama il profumo delle rose, è detta anche radice d’oro, in quanto proprio nella radice sta la parte “medicinale”
Usata nei paesi scandinavi da secoli ha un effetto simile ad una droga, in quanto aiuta a non sentire la stanchezza ed aumenta la resistenza fisica.

con il tempo si è scoperto che ha una forte influenza al sistema nervoso centrale agendo da antistress e anti depressivo naturale, in quanto stimola la produzione di adrenalina, dopamina e serotonina.


Iperico

Dall’iperico, detto anche “pianta del sorriso“, si estrae l’ipericina, la quale è un forte antidepressivo naturale, ed è per questo che può essere usata per contrastare alcune forme di depressioni o stress.

E’ una pianta conosciuta per le sue proprietà fin dal medioevo e veniva già allora per curare gli stati d’ansia.

Rispetto all’uso dei medicinali tradizionali, l’iperico non agisce subito, ma dopo qualche settimana, ed un suo uso ha dimostrato un miglioramento umorale in molti pazienti.

Oltre alle tre piante nominate vi sono tanti tipi di erbe adatte per contrastare depressioni minime o ansie.
Tra questo elenco di piante per curare la depressione con le erbe, troviamo:

  • melissa
  • passiflora
  • tiglio
  • Valeriana
  • Biancospino
  • Ginseng
  • Camomilla
  • Lavanda


Queste erbe hanno un effetto rilassante, contrastano gli effetti dello stress e funzionano piuttosto bene soprattutto per combattere l’insonnia da ansia, e per un effetto maggiore si consiglia l’uso in capsule.
Attenzione a non eccedere con la valeriana, la quale se usata in dosi massicce può fungere da eccitante.


Curare la depressione con i fiori di Bach

curare-depressione-fiori-di-bach

L’uso dei fiori di Bach potrebbe essere confusa con il curare la depressione con le erbe, ma in realtà si tratta di qualcosa di diverso, meno fitoterapeutico ma più sfruttando la teoria di “memoria dell’acqua“, o per chi non ci crede, l’effetto placebo.


La terapia con i fiori di Bach è stata ideata dal medico Inglese Edward Bach, il quale asseriva che la malattia ha origine psicosomatica, trovando origine nella disarmonia delle scelte fatte con il raziocinio rispetto a quello che vorrebbe il nostro cuore.
Queste richieste non ascoltate, questo strato di subconscio che si crea alla fine sfocia in sintomi fisici psicosomatici.
E’ quindi guarendo il nostro blocco psicologico che guariremo il nostro corpo.

Tra i rimedi naturali per curare la depressione Edward Bach consigliava principalmente tre fiori:

  • Genziana
  • Senape
  • Rosa canina


La genziana, pianta tipica delle nostre Alpi, è usata per contrastare pessimismo e depressione reattiva verso eventi che pensiamo di non poter affrontare e/o superare.
La pianta di senape, abbastanza comune ed infestante, viene usata nella terapia con i fiori di Bach per depressione endogena, mentre la rosa canina, o wild rose, fornitrice di vitamina C, servirebbe per i casi di fatalismo, cioè di perdita di fiducia, come nei casi di depressione maggiore.


Curare la depressione con la Curcuma

Curcuma - rimedio naturale depressione

Sempre più in uso nelle nostre cucine, un po’ per moda e un po’ grazie alle nuove scoperte scientifiche, la Curcuma sembra sia un ottimo antidepressivo naturale.

Secondo una ricerca universitaria svolta in India sembra addirittura che funzioni meglio di alcuni famosi farmaci anti depressivi.
L’esperimento fatto si basava sulla somministrazione intensiva di un estratto di curcuma, e i risultati su pazienti con disturbo depressivo maggiore sono stati positivi.

Questo studio, pubblicato su Phytotherapy Research ha dato quindi origine a questo farmaco naturale a base di curcumina, estratto derivato per l’appunto dalla Curcuma Longa.

La curcumina funziona come antidepressivo naturale perché funge da inibitore della mono ammina ossidasi, enzima legato a doppio filo alla depressione, ed inoltre la curcuma è anche un ottimo anti infiammatorio.

Se quindi a volte soffrite di sbalzi d’umore o siete inclini ai sintomi della depressione, inserire nella vostra cucina un ingrediente come la curcuma non può far altro che giovarvi.

Per non perdere le sue proprietà il consiglio è quello di aggiungere la curcuma come spezia solo a fine cottura, un po’ come condimento diciamo.

E ora correte al mercato a comprare la curcuma, oppure in erboristeria a prendere l’estratto di curcumina.

Zafferano contro la depressione

zafferano-depressione
Lo zafferano come anti infiammatorio

L’uso degli integratori, in psichiatria non è in realtà una materia ben definita o documentata, ma nonostante questo vi sono alcune sostanze naturali che con il tempo e le esperienze tramandate si sono dimostrate almeno efficaci come coadiuvanti nel trattamento psicoterapico.

Tra queste troviamo lo zafferano, le cui azioni sul tono dell’umore sembra siano dovute in particolar modo alla presenza di:

  • Picrocrocina
  • Safranale
  • Crocetina

Questi tre metaboliti dello zafferano, responsabili di colore, odore e gusto, aiutano nella sua funzione anti-infiammatoria, molto importante per contrastare la depressione.

In uno studio recente si è valutato l’effetto della crocina in aggiunta di un farmaco antidepressivo, appunto come coadiuvante, e sembra che gli effetti del farmaco ne fossero in qualche modo potenziati, mentre un ricerca condotta in Iran afferma che 30 mg al giorno di zafferano aiutano per alleviare i sintomi della depressione.

Anacardi e depressione

anacardi-depressione
gli anacardi come coadiuvante nella lotta alla depressione

Il triptofano, precursore della serotonina, l’ormone della felicità, è presente in quantità negli anacardi, e si ritiene che nel giusto dosaggio giornaliero possano sostituire, o meglio coadiuvare alcuni antidepressivi.

Alcuni scienziati e/o nutrizionisti sono infatti convinti che quel che ci serve lo si può trovare in natura e per quel che riguarda la depressione e gli anacardi il loro apporto per aiutare nella cura contro la depressione sarebbe in termini di vitamina B6 e magnesio.


Come curare la depressione con gli olii essenziali

olii-essenziali-cura-depressione

In caso di sintomi della depressione gli olii essenziali più indicati sono:

  • Lavanda
  • Gelsomino
  • Rosa
  • Menta piperita
  • Timo

Questi olii sono indicati per praticare massaggi assieme all’olio di mandorle, o anche per un bel bagno che già di suo è rilassante,
Un altro consiglio sull’uso dell’olio essenziale per curare la depressione è quello di inalarne i profumi e le essenze dopo aver bagnato un fazzolettino con due goccie.
Questo metodo è utile in caso di necessità immediata ed aiuta a ritrovare buon umore ed energie.

Sempre come rimedio per sbalzi di umore o come stabilizzante dell’umore, si possono usare essenze quali:

  • Bergamotto
  • Cannella
  • Basilico

Anche con questi olii essenziali si possono effettuare massaggi o si possono usare per inalazione delle essenze.

Un altro interessante metodo per combattere la depressione lo puoi conoscere leggendo questo mio altro articolo dove tratto il tema di come contrastare gli effetti della depressione con la fototerapia.
Prova a leggerlo!

Alla prossima,
Lo Psicologo Veneto

Psicologo veneto