Ablutofobia, la paura di lavarsi

Ablutofobia, la paura di lavarsi

Ablutofobia, la paura di lavarsi

Last Updated on

La paura di lavarsi, una fobia specifica con complicanze sociali

l’ablutofobia, detta anche “paura di farsi il bagno“, è una fobia piuttosto rara, ma qualora insorgesse in una persona è piuttosto grave.
E’ vero che tutti i bambini quando è ora di fare la doccia protestano, ma quello è più che altro un rifiuto legato alla paura dello shampoo negli occhi, o semplicemente sono capricci.

L’ablutofobia è un disturbo d’ansia ed è una fobia specifica, cioè che è una paura irrazionale incentrata su una situazione particolare, e può presentarsi sia come una “semplice” fobia della doccia o della vasca da bagno ma anche come una vera paura di lavarsi, qualunque sia la forma o il modo.

Tra le paure irrazionali che possono diventare una fobia specifica vi sono ad esempio:


Paura di lavarsi, le cause.

Come in quasi tutte le fobie specifiche, l’ablutofobia ha cause che possono essere:

  • Un forte trauma
  • Per “trasmissione” familiare

Potrebbe essere ad esempio successo che da piccoli si è rischiato di annegare nella vasca da bagno, non è purtroppo un evento così raro, oppure si è assistito ad una scena traumatizzante sempre legata all’acqua.

Un esempio classico è la famosa scena del film Psycho, dove l’assassino uccide una donna sotto la doccia: dopo aver visto quella scena si può anche aver paura di fare la doccia a casa da soli.

Quando invece le cause sono di origine familiare succede che la paura di lavarsi viene trasmessa direttamente da un genitore o un parente stretto, vuoi per fobie o per semplici paure.

Essere genitori troppo apprensivi alla fine porta sempre ad insicurezze e paure nei bambini.


Quali sono i sintomi della paura di lavarsi?

I sintomi dell’ablutofobia sono gli stessi della maggior parte delle fobie specifiche e possono manifestarsi di fronte al dover fare una doccia o un bagno e possono verificarsi anche solo al pensiero di doversi lavare.

I sintomi includono:

  • Intensa paura o ansia
  • Attacchi di panico
  • Sudorazione
  • Tachicardia
  • Respirazione difficoltosa
  • Tremori, nausee, vertigini


Ablutofobia, complicanze nella vita sociale

Come immaginerete, se una persona ha paura di lavarsi difficilmente avrà un igiene particolarmente curata, e questo può portare, in questa società dell’apparire, dove la bellezza conta di più dell’essere, a problemi di relazioni sociali.

In particolare si possono riscontrare:

  • Problemi scolastici o sul luogo di lavoro
  • Fobie correlate come la fobia sociale
  • Problemi sanitari legati alla cattiva igiene
  • Problemi depressivi a causa dell’isolamento sociale


Ablutofobia, come trattare la paura di lavarsi

Come in quasi tutte le fobie specifiche, anche la paura di lavarsi va trattata attraverso la psicoterapia, ed in particolar modo la psicoterapia comportamentale, questo per capire i pensieri che portano a questo tipo di paura per poi cercare di modificarli in qualcosa di positivo.

Sicuramente uno dei passaggi della terapia prevede di dove affrontare un poco per volta la doccia o il bagno.
L’uso dei farmaci, invece, è consigliato solo qualora vi fossero forti sintomi di ansia e stress, e vanno quindi usati, sempre con cautela e sotto prescrizione medica, farmaci ansiolitici.

Come parte del piano di trattamento, poi, il terapeuta potrebbe raccomandare alcuni esercizi a casa:

  • Esercizi di meditazione o training autogeno
  • Esercizi di rilassamento, come lo yoga
  • Attività fisica in genere, per scaricare l’ansia e lo stress

Alla prossima,
Lo Psicologo veneto.

Psicologo veneto